Berlusconi in galera

Il cavalier Berlusconi, per meriti ignoti come il criminale Mussolini,
sentenzia di essere stato assolto da tutti i processi contro di lui
ma dimentica di dire che nei processi che non lo hanno visto condannato
l' iter precedente era stato modificato in parlamento
durante il suo governo mediante riduzione dei termini di prescrizione,
depenalizzazione totale o parziale del reato contestato,
invalidazione delle prove nei livelli successivi del processo,
ed altri ostacoli inventati con strana coincidenza rispetto ai suoi problemi.
Inoltre il cavaliere sostiene la tesi, illegale e anticostituzionale,
secondo la quale il voto popolare non sarebbe compatibile
con l' essere sottoposto a processo
come se gli elettori firmassero una licenza a delinquere
a tutti coloro che ricevano la delega a rappresentarli
nelle istituzioni locali e nazionali.
La elezione nonè al di sopra della giustizia
e chiunque violi la legge è tenuto a risponderne
nelle sedi previste dalla costituzione e dalle leggi.
Ma non basta, i telegiornali ridotti a propaganda di regime,
con un uso privato del servizio pubblico da parte del governo
cercano di far passare la tesi secondo la quale
rivelare un delitto commesso dal premier
significa violare la sua privacy
ma commettere un crimine non è atto legittimato dalla privacy
sia esso commesso in abitazione privata, sede istituzionale
o qualsiasi altro luogo.
Il TG1 ha cercato di legittimare il comportamento vergognoso del premier
riproponendo una intervista ad un personaggio ben noto
per la violazione sistematica della privacy dei suoi dipendenti
a scopo antisindacale e repressivo della dignità individuale e collettiva.
Le schedature promosse dagli Agnelli contro gli operai FIAT
sono una condotta storicamente documentata
fondazione Cipriani
" Schedature Fiat ", di Bianca Guidetti Serra ; Rosenberg & Sellier
che smentisce il rispetto dell' intervistato per la privacy
quando non si trattava della sua.
I rapporti non proprio cristallini, per restare allo eufemismo,
tra Berluscuoni e la mafia, e tra Berlusconi e la P2,
aggiungono ulteriori motivi per allontanarlo dal potere politico
e verificare ancora una volta se non sia il caso di assicurarlo alle galere nazionali,
visto anche il disprezzo costantemente ostentato
verso le istituzioni di qualsiasi natura
(magistratura, parlamento, presidenza repubblica)
La costante offesa alla dignità delle donne
con inviti a trovarsi un padrone .... in caso di disoccupazione
e l' auspicio che i deportatori di donne controllino
l' avvenenza delle schiave importate
non fanno che gettare ulteriore discredito su un individuo
che se non si proteggesse con l uso privato delle leggi,
riducendo il parlamento ad un bivacco di suoi dipendenti
starebbe probabilmente già in galera ,
mentre troppe persone immigrate
giacciono nei lager CIE solo perché senza documenti ,
reati inventato per sostenere il traffico di schiavi e schiave
costretti/e a fuggire dalla miseria e dalla guerra
create dal colonialismo capitalista di ieri e di oggi.
Tanto è lo spregio di Berlusconi per la legalità
che i suoi governi riducono sistematicamente
i fondi per la giustizia e le forze dell' ordine
ma non per le guerre coloniali nelle quali mandare a morire disoccupati.
Ma Berlusconi può contare sul sostegno
di buona parte del parlamento che concorre alla criminalizzazione
della magistratura e del dissenso politico e sociale
generato da una politica parassitaria dei beni pubblici
e di riduzione in schiavitù della classe lavoratrice.

pagina principale