Strategia della tensione (e del terrore)

USA
Strage di New York (11 settembre 2001) : 5000 morti.
La dinamica col passare del tempo si fa meno chiara.
Alcuni dirottatori sarebbero stati fermati per controlli in aereoporto almeno 4 volte
ed ogni volta li si è lasciati passare.
L'abitazione ad alcuni di loro sarebbe stata fornita da agenti FBI.
Le accuse vanno ad una organizzazione guidata da un principe yemenita,
ex collaboratore CIA, e chiamata al-Qaida.
La persona chiamata a presiedere la commissione di inchiesta su al-Qaida
risulta legata da interessi personali a bin-Ladin,
come rivelato da un articolo pubblicato dalla rivista USA "Fortune" e ripreso dal quotidiano "il manifesto".
Inoltre risulta che fra le strategie usate dai servizi segreti
ci sia quella di organizzare attentati da far attribuire poi a sigle politiche straniere o
definibili come "comuniste"
(negli USA il nemico da accusare %egrave; prevalentemente straniero :
i comunisti di Cuba, o gli arabi, in Italia gli anarchici e i comunisti,
ma anche i movimenti sociali di sinistra come i "noglobal").
Invasione dell'Afghanistan da parte delle armate USA e GB.
Decisa secondo la propaganda USA per rispondere agli attentati dell'11 settembre,
risulta essere stata pianificata almeno 1 anno prima.
Lo yemenita bin Ladin, capo della organizzazione al-Qaida, non viene catturato.
il governo dei Talebani cade ma la guerriglia non cessa
ne finiscono gli attentati contro esponenti delle diverse fazioni.

INVASIONE DELL' IRAQ
Dopo aver continuato a bombardare l'Iraq dal 1990 ed averlo decimato con l'embargo
per gli stessi anni, il governo USA decide di invadere l'Iraq
come paese protettore del terrorismo mondiale.
La resistenza dell'esercito iracheno è inesistente.
Saddam Hussein, ex alleato contro l'Iran e collaboratore CIA, perde il potere
ma non risulta catturato.
Dopo aver occupato l'Iraq, di fronte alla crescente perdita di consensi
per manifesti interessi economici nella guerra ed aumento delle morti dei soldati USA
e non solo, il governo USA va a prendere Saddam Hussein e lo arresta.
Le morti di soldati non diminuiscono e continuano le stragi.
Anche gli investigatori USA non trovano alcuna traccia di armi di distruzione di massa.
Scoppia lo scandalo delle torture e degli stupri di persone irachene da parte di militari USA.

ITALIA/EUROPA
Diversi attentati prendono di mira in Sardegna stazioni di CC, polizia e sindaci di RC.
Altri episodi meno gravi colpiscono presunti obiettivi "ecologici".
Plichi esplosivi vengono consegnati a Prodi e a vari parlamentari in Europa.
Intanto il p2ista Berlusconi riceve i complimenti del capo storico della P2
Licio Gelli per aver realizzato il suo piano
(controllo dei mezzi di informazione, attacco alla indipendenza della magistratura,
stravolgimento della costituzione e progressiva abrogazione dello statuto dei lavoratori.

TURCHIA (novembre 2003)
Istanbul : attentati a due sinagoghe. 25 i morti.
Dopo le due stragi nei pressi delle sinagoghe, altri attentati alla ambasciata britannica,
ad una banca inglese, alla sede di un partito kurdo filoamericano.
Nello stesso giorno Bush e Blair si incontrano a Londra e affermano sorridenti che
contineranno a compiere stragi in Iraq e mediooriente, e dovunque individuino dei terroristi.

SPAGNA (11 marzo 2004)
Tre bombe su treni a Madrid provocano oltre 200 morti.
Nessuna rivendicazione da parte dell'Eta.
Ritrovati nella cittadina di Alcalá de Henares (vicino Madrid) detonatrori e volantini con versetti del Corano in arabo.
Immediata l'attribuzione all'ETA, che però non rivendica,
seguita dalla attribuzione ad al-Qaida e subito dopo
dalla ipotesi di collegamento fra le due organizzazioni.
Simultaneamente vengono assolti in Italia tutti gli imputati neofascisti
per la strage di Piazza Fontana compiuta 35 anni prima.
Viene indetta una manifestazione neofascista a Madrid alla quale parteciperanno,
oltre ad Aznar e Solana (NATO) anche Berlusconi e Prodi.
La propaganda elettorale in Spagna viene sospesa teoricamente per 3 giorni.


Ipotesi sostenuta dai mezzi di informazione (TV etc) :
una organizzazione terroristica definita Al- Qaida e
facente riferimento a leader di origine yemenita
riesce ad essere cosi potente da colpire tranquillamente sia negli USA
che in paesi alleati come la Turchia e la Spagna,
dove il potere effettivo dell'esercito è notevole.


Dati reali :
America
USA
La vittoria elettorale di Bush, sostenuta da lobby del petrolio, del nucleare, della chimica,
avviene in modo molto ambiguo
grazie a numerosi conteggi ripetuti e contrastanti dei voti espressi.
E' necessario addirittura l'intervento delle corti di giustizia,
che essendo nominate in parte politicamente, confermano la vittoria.
Risulta poi che migliaia di elettori di origine africana e ispanica sono stati cancellati
dalle liste elettorali.
Il governo Bush rompe con tutti i trattati internazionali
e pretende una volta di più di costituire la polizia del pianeta.
La "ripresa" economica USA viene cercata anche
con speculazioni finanziarie a spese dell'Euro e di altre monete.
La classe media USA viene sempre più posta sul lastrico
dalla cancellazione del sistema sanitario pubblico e
dalla precarizzazione del lavoro.
Intanto aumenta l'ingresso "clandestino" di persone immigrate dalla frontiera messicana.
e la strage di donne che lavorano nelle fabbriche vicino alla frontiera.

America centrale e meridionale
In tutta l'america centrale e meridionale il sostegno USA ai dittatori riprende
nelle forme più evidenti e cruente
(come la nuova invasione di Haiti con il sostegno agli eredi di PAPA DOC)
cosi come la rapina finanziaria e l'attacco alle societa civili
(dalle pressioni militari contro le nazionalizzazioni in Venezuela
agli effetti disastrosi delle politiche del FMI in Argentina).


ASIA
Medio Oriente.
Turchia
La Turchia rappresenta un territorio strategico per gli interessi USA
trovandosi fra Europa e mediterraneo da una parte, asia centrale ex sovietica,
penisola arabica e golfo persico dall'altra .
Nell'area kurda occupata dalla Turchia inoltre vi sono importanti giacimenti petroliferi
e le sorgenti di Tigri ed Eufrate, quindi la possibilità di controllare la fornitura idrica anche all'Iraq.
La popolazione kurda è repressa fino al genocidio con il nulla osta della Nato.
Non a caso in Turchia l'esercito e l'estrema destra hanno un potere notevole e
la mafia ha avuto stretti legami con esponenti dell'estrema destra
("Lupi grigi" fra gli altri, di cui Ali Agca era esponente).
La democrazia è quindi ostaggio dei militari e della presenza NATO.
Alla corruzione dei governi precedenti ha risposto la vittoria elettorale
del partito di ispirazione islamica rappresentato dall'attuale primo ministro Erdogan.
Questa vittoria era stata infatti messa in discussione dai militari.
La vittoria del partito musulmano rischia di mettere in discussione le scelte filoUSA,
e di conseguenza il sostegno alle politiche di Israele, ma anche quelle filoEuropa
in favore di rapporti piu stretti con altri paesi musulmani dell'asia centrale.
Asia Centrale
Dopo aver per anni finanziato la guerriglia fondamentalista afghana contro i sovietici,
i governi degli USA decidono di intervenire di nuovo pesantemente
in vista della creazione di oleodotti che portino il petrolio delle repubbliche
dell'asia centrale ex sovietiche verso le rive dell'oceano indiano.
L'intervento viene studiato per anni. La situazione militare resta tuttavia precaria in Afghanistan.
Nello stesso tempo resta vivo l'interesse per i minerali importanti contenuti nel sottosuolo delle province occidentali cinesi abitate da popolazioni di cultura musulmana e tibetana.
In India e sud est asiatico la politica USA di sostegno agli OGM
(organismi geneticamente modificati), provoca la crisi agricola e la miseria di milioni di contadini e coltivatori,
in quanto il prezzo delle sementi modificate è alto,
le sementi vanno acquistate ogni anno, e spesso rendono i parassiti più forti.
Nell'estremo oriente la politica estera statunitense mira ad impedire la creazione
di un mercato indipendente dall'intervento finanziario e militare USA.
Si alimenta una crisi finanziaria nell'est asiatico di portata controversa
e dagli effetti contraddittori sugli stessi interessi USA.
La dipendenza del Giappone dalla politica e dalla presenza militare USA nel pacifico
viene messa in crisi in vario modo, sia all'interno del Giappone
che nel quadro delle relazioni ufficiali del paese con la Cina ed altri paesi.
In Indonesia, alla cacciata di Suharto, non segue la democrazia ma altri governi fantoccio
che vedono localmente il fronteggiarsi di "nazionalisti" e "musulmani".
Timor est resta occupata da truppe occidentali

EUROPA
La dipendenza politica dei governi europei da quello USA
comincia ad essere contraddetta dai governi di Francia e Germania
anche come risultato di guerre commerciali cominciate negli USA contro i prodotti europei.
Guerre consistenti nell'imporre pesantissimi dazi sulla importazione
di prodotti tipici europei e nel voler introdurre ad ogni costo gli OGM.
I governi di Francia e Germania cominciano ad essere scettici sulla condivisione delle spese militari e umane determinate dalla partecipazione a guerre il cui bottino finirà esclusivamente nelle mani di gruppi USA. L'euro forte rischia di diventare una moneta rifugio per tutti quei governi che intendono difendere gli interessi nazionali o semplicemente ottenere di piu dai ricatti USA ma anche di favorire gli interessi USA.
La politica nei confronti della immigrazione è sempre piu segnata da logiche repressive e carcerarie, sia nei governi di destra che di centrosinistra.
Svezia. Assassinata ministro socialdemocratico. Sospettati ambienti di estrema destra.
In Italia il governo fascista-p2ista di Berlusconi continua a criminalizzare la magistratura ostacolando in ogni modo i processi che vedono imputati Berlusconi e soci, e quelli per le stragi. Condoni edilizi e fiscali rappresentano innegabili vantaggi per speculatori singoli e organizzati, e organizzazioni criminali. Il presidente del consiglio Berlusconi si lancia in continue apologie di reato esprimendo giudizi positivi sul fascismo, tradendo cosi il giuramento sulla costituzione, per altro stravolta in piu punti significativi. Contemporaneamente vengono boicottate e stravolte l'istruzione e la sanità pubbliche, riducendo fondi e stornandoli a favore di interessi privati negli stessi settori. Nei "centri di permanenza temporanea", circondati da filo spinato, nei quali vengono rinchiuse in stanze-celle persone che non hanno commesso alcun reato, si verificano episodi di pestaggi e di somministrazione forzata e incontrollata di psicofarmaci.

AFRICA
I governi USA cercano di porre sotto il controllo di lobby USA paesi storicamente controllati da interessi francesi (Senegal etc). La divergenza di interessi è fondamentale per gli investitori francesi anche paraistituzionali in Africa. Vengono inoltre alimentate altre guerre locali fra governi corrotti e oppositori senza scrupoli. Le risorse (petrolio, diamanti, uranio, oro, fosfati, etc) intanto continuano ad essere sfruttate da multinazionali USA ed europee, mentre i fondi per l'istruzione e la sanità vengono cancellati su pressione del FMI e della Banca Mondiale. L'emigrazione massiccia rappresenta di fatto una deportazione di schiave/i verso l'Europa.

Ipotesi
1 Una organizzazione che si ispira all'Islam e si finanzia con le ricchezze di alcuni leader diventa così potente da compiere indisturbata attentati nel cuore dei paesi NATO e negli stessi USA. Tale organizzazione avrebbe come fine la vendetta dei torti e delle persecuzioni occidentali contro i popoli musulmani.
2. Gli attentati in Iraq come quelli in Turchia spingono l'opinione pubblica occidentale, sotto la pressione dei media, a sostenere la propaganda bellica e retorica dei governi USA e Gb, e al seguito Italia e Spagna, contro i paesi arabi e l'immigrazione distraendola anche dai gravi problemi interni. In Italia allo choc della morte dei militari in Iraq si aggiunge il terrorismo firmato BR e le difficoltà dei magistrati a concludere i processi per le stragi e perfino contro Priebke. In nome della lotta al terrorismo i governi di destra, da quello USA a quello italiano, chiedono il silenzio dell'opposizione politica e sociale. Gli attentati vengono cioè sfruttati per dimostrare che c'è bisogno della guerra e che la pace e la democrazia sono un lusso da disfattisti e comunisti. Gli attentati in Turchia hanno da questo punto di vista una strana analogia con le stragi compiute in Italia da servizi segreti (deviati ?) e neofascisti e con la stagione delle Br. In Italia le stragi furono compiute per impedire che andasse al governo il partito comunista in quanto tale e che la sinistra sociale raggiungesse i suoi obietivi interni e internazionali. Le Br pare fossero infiltrate dai servizi segreti nella persona di Moretti. Sia le stragi che gli attentati avevano come obiettivo la diffusione del panico e la riduzione delle garanzie democratiche a vantaggio degli interessi economici e militari USA ai quali erano legati P2 e mafia ma anche gruppi finanziari vicini al Vaticano. I tentativi di colpo di stato furono numerosi contro le istituzioni italiane ma anche della repubblica di San Marino. Le operazioni di depistaggio infinite. Numerose anche le morti "misteriose" : da quella di Mattei, presidente dell'ENI che faceva concorrenza alle grandi compagnie petrolifere britanniche e statunitensi, a quelle di testimoni di Ustica, ed altri ancora. Secondo uno storico turco intervistato da "il manifesto" gli attentati ad Istanbul avranno come conseguenza il riallineamento del governo turco alle richieste USA : intervento militare in Iraq, maggiore dipendenza dagli USA che dall'Europa. In Italia la morte dei militari spediti in Iraq e le azioni delle BR hanno spinto la sedicente opposizione ad una manifestazione congiunta con FI contro il terrorismo e a non condannare l'intervento in Iraq. L'Italia e la Turchia avrebbero la funzione di guastatrici all'interno della Comunità Europea a favore degli interessi USA.
Riassumendo : Le stragi in Europa possono avere due obiettivi convergenti : a) Rafforzare i governi fascisti a spese delle opposizioni sociali e sindacali, e militarizzare il paese
b) Costringere tutti i governi europei a spendere cifre sempre maggiori per armi e difesa invece che per sviluppo sociale ed economico, a vantaggio delle lobby USA.
3. Gli attentati in Iraq, quelli in Turchia e in Italia, quelli in Spagna potrebbero avere matrici diverse :
Attentati compiuti dalla resistenza irachena e dall'ETA potrebbero sommarsi ad attentati fatti compiere da mandanti USA per destabilizzare i paesi colpiti.

Obiezioni
Ipotesi 1 : la strana facilit&agravve; dei dirottatori a superare i controlli in aereoporto, la fuga degli uomini chiave di al-Qaida dall'Afghanistan, i rapporti di Osama bin-Ladin e Saddam con la CIA e con società finanziarie USA, lo sfruttamento propagandistico delle stragi da parte della propaganda di regime USA, le pericolose analogie fra stragi in Italia e quelle in Spagna e Turchia (tutti paesi soggetti alla NATO); convenienza ad investire in paesi "pacificati" e nella ricostruzione di quelli distrutti (ex-Jugoslavia).
Ipotesi 2 : Non ne vengono in mente

La risposta in ogni caso non cambia : il colonialismo è sempre da condannare, cosi come il nazifascismo e la sua retorica razzista e coloniale. L'unica garanzia democratica è non lasciare che vengano sospese o cancellate le regole democratiche e denunciare in ogni momento le politiche liberiste, causa dell'impoverimento di sempre maggiori fasce di popolazione in tutto il mondo e della canalizzazione della disperazione verso la schiavitù o l'asservimento alle politiche stragiste.

Delitti occidentali impuniti
Berlusconi pacchi e pensioni
Torna alla prima pagina