Stati Uniti ed Europa per Daesh

I curdi resistono di fronte alla minaccia delle bande armate di Daesh,
organizzazione terroristica che grazie ai finanziamenti ricevuti
da paesi del golfo persico alleati degli USA,
si sta espandendo in tutto il medio oriente.
Il governo USA non si oppone alla avanzata di Daesh,
ma anzi sostanzialmente la appoggia nella speranza
che sconfigga il regime iraniano,
o meglio lo convinca a subire gli interessi delle grandi compagnie USA.
I governi USA sostengono sempre e sistematicamente
i gruppi terroristici di matrice islamica contro
i movimenti democratici presenti nei paesi a religione musulmana.
Il governo USA sostenne militari golpisti e musulmani in Indonesia
nel 63-65 per massacrare oltre un milione e mezzo di indonesiani,
tra comunisti, socialisti, e semplici simpatizzanti dei primi due partiti.
Ha sostenuto i Talebani contro i sovietici in Afghanistan,
ha sostenuto i Frères Musulmanes in Algeria contro intellettuali,
donne, e movimenti di lavoratori e studenti.
Ho sostenuto Hamas contro la sinistra palestinese e l' OLP.
Sostiene i salafiti in Marocco e nord Africa
contro l' avanzare dei movimenti studenteschi e operai,
sostiene in Iraq le bande armate sunnite e Daesh,
contro i curdi e i movimenti di resistenza alla presenza USA.
Il governo turco, da sempre protetto dall alleato USA,
da decenni manda avanti una politica genocida nei confronti dei Kurdi,
ma alla Unione Europea, di cui fa parte la Turchia,
e soprattutto alla NATO, che dovrebbe essere un patto del Nord Atlantico,
sta bene che le bande mercenarie di Daesh facciano il terrore in medio oriente.
Queste bande servono a giustificare interventi militari USA
e la sottrazione della sovranità ai vari popoli della regione
per sfruttarne liberamente le ricchissime risorse energetiche.
Anche al largo della costa di Gaza sono state segnalate riserve di gas.
Il Kurdistan è ricco di gas e petrolio sia nella sua area di occupazione turca,
che in quella di occupazione irachena e siriana.
Il Kurdistan inoltre è ricco di acqua, bene chiave in medio oriente.
I Kurdi però sono poco inclini a combattere guerre mercenarie per gli USA
e quindi ai Kurdi si preferiscono le bande mercenarie addestrate da CIA e FBI,
o dai servizi segreti inglesi e francesi.
Non a caso molti mercenari di Daesh sono di origine europea e americana,
perché in realtà il nome di "Califfato Islamico"
per il regno del terrore instaurato da Daesh
è stato pensato dalla destra cristiana statunitense ed europea
per installare nella mente della opinione pubblica un paragone,
del tutto arbitrario e antistorico, con i califfati della storia della civiltà araba,
ed insultare una civiltà che creò università, grandi biblioteche,
dibattiti culturali internazionali tra le corti più colte del mondo.
La violenza bestiale di Daesh trova invece il suo modello nel modo di operare
delle bande colonizzatrici europee che invadevano gli altri continenti :
massacri a sangue freddo di masse e singole personalitˆ senza alcun motivo,
se non quello della conquista del territorio e della sua sottrazione agli abitanti.
Daesh come i conquistadores, spagnoli ma anche portoghesi, francesi, inglesi,
olandesi, belgi, tedeschi, e italiani, e come i crociati .....
Il modello contemporaneo più vicino al regime di Daesh è quello nazifascista :
donne violentate e sventrate, fucilazioni di famiglie e di massa, torture,
forni crematorii, e tutte le atrocità commesse dai nazi-fascisti nel mondo.
Il governo italiano, come governo di un paese membro della UE e della Nato
avrebbe il dovere di dissociarsi dal sostegno statunitense e turco a Daesh,
ma ancora una volta si mostra colonia ubbidiente delle autorità USA
e lascia commettere massacri senza recriminare.
D' altra parte la sudditanza NATO è stata accettata
da Enrico Berlinguer, allora segretario comunista, oltre trenta anni fa
e il leader curdo Ocalan è stato consegnato alla Turchia
da un dirigente dello ex PCI, D Alema, attraverso la delega ai servizi segreti USA.
Daesh, una vergogna euro-americana che piace tanto ai cristiani che contano.
Solidarietà al popolo curdo e ai resistenti di Kobane.

Marco Sbandi - 9 ottobre 2014

pagina principale
11 settembre 2001
al Qaida = CIA
trame eversive
Cossiga e le stragi europee
Italicus Bologna Londra
Bologna Londra
Strage contro Kurdi in Siria
Ocalan in pericolo di vita
Solidarietà al popolo iracheno
ma quali eroi
Il coraggio di Zaineb Hassan Auda
Iraq e Siria 2014
Radici
Brividi
il peso del colonialismo sull' Africa oggi