in memoria di Zaineb Hassan Auda

Zaineb Hassan Auda è tra le vittime della ferocia del capitalismo.
Giornalista e artista a Baghdad, la città dove è nata,
esprime nelle sue opere pittoriche e nei suoi articoli
la condanna per la guerra e la dittatura.
Le sue opere pittoriche parlano di tortura in carcere,
di sofferenze dei proletari mandati a combattere
delle donne violentate dagli eserciti invasori e dalle guardie di regime.
Scrive per diversi giornali in Iraq
quando viene avvertita che vogliono ucciderla
per ciò che ha espresso nei suoi scritti e nei suoi quadri.
È costretta a lasciare il suo paese con infinito dolore.
Arriva nel 2002 in Italia, un paese che la maltratterà fino alla morte.
Non può recuperare i suoi soldi depositati su una banca araba
e ben presto comincia ad avere problemi abitativi.
La solidarietà apparente di una associazione
ben presto lascia il posto ad un odioso e criminale ricatto :
assunzione di psico-farmaci in cambio di un tetto :
è una misera stanza in una casa di cura
e la giovane artista irachena ne è prigioniera.
Cerca nonostante le umiliazioni di continuare ad esprimersi
partecipando a mostre di pittura e ceramica
nelle quali espone le sue opere contro la guerra e la dittatura.
Ma in una Italia governata dai servi dell' imperatore capitalista
e dove la distruzione e il massacro del suo paese
viene fatta passare per opera di democratizzazione
non riesce a riscuotere il successo che merita.
La sua vita è segnata dalle conseguenze dei farmaci.
Quando viene liberata dalla casa di cura dalla persona che l' ama
le dosi di farmaco vengono progressivamente ridotte fino alla fine
ma hanno intanto avvelenato il suo corpo
e il 9 settembre cade in coma diabetico.
Il 18 ottobre dopo circa 40 giorni il suo cuore cede.
Ha compiuto 45 anni nel reparto di rianimazione.
Una giovane e coraggiosa irachena è stata uccisa
affinché non dicesse la verità sulla guerra,
sulle condizioni del suo popolo e delle donne del suo paese,
sulle responsabilità dell' occidente nelle stragi
che ancora quasi quotidianamente vengono commesse nel suo paese.
Non è stata uccisa con una arma dichiarata tale
ma la sua uccisione ricorda l' uso politico della psichiatria
comune a tante dittature, così l' nella storia del mondo.
Ottenebrare la mente per impedire che si esprima liberamente,
colpire al cuore e al cervello chi si ribella alla ideologia capitalista dominante.
Colpire al cuore e al cervello chi condanna pubblicamente guerre e dittatura.
Zaineb Hassan Auda è stata una ribelle solitaria
e i padrini del caporale iracheno l' hanno infine assassinata
così come assassinano i prigionieri dei CIE
e come assassinano coloro che migrano annegandoli in mare
o respingendoli verso luoghi di tortura e annientamento.
Zaineb Hassan Auda ha cercato di resistere anche ai farmaci
ma una glicemia galoppante e i tagli alla sanità pubblica
imposti da tutti i governi, sono infine riusciti a piegare la sua resistenza.
Zaineb Hassan Auda lascia i suoi quadri contro la guerra
ed un vuoto incolmabile in chi l' ha amata e apprezzata.
Zaineb Hassan Auda riposerà in un cimitero islamico in italia,
come era nelle sue volontà in materia.

Marco Sbandi 28 ottobre 2013

pagina principale / homepage
stragi di stato nel Mediterraneo
Espulsioni delitti con i guanti
Solidarietà al popolo iracheno
quali eroi
lager democratici
psichiatria arma di repressione